Silent Dante

VERONA – In vista dei settecento anni dalla morte di Dante (1321-2021), lunedì 16 e martedì 17 settembre alle ore 21.00 anteprima di Silent Dante, “spettacolo itinerante sulle tracce di Dante” che si avvale della tecnologia silent system. Lo spettacolo – coprodotto dal Teatro Stabile di Verona e dal Teatro della Toscana – Teatro Nazionale in collaborazione col Centro Scaligero degli Studi Danteschi e con “I musei di Verona” – partirà dal Teatro Nuovo e si concluderà nel suggestivo chiostro della Biblioteca Capitolare a ridosso della chiesa di Sant’Elena: qui, il 20 gennaio 1320 (tra quattro mesi ricorrerà dunque il settecentesimo anniversario), Dante espose a voce la sua celeberrima Quaestio de aqua et terra. Tante le “tracce” lasciate da Dante a Verona dove visse tra il 1303 e il 1304 e tra il 1313 e il 1318. Per seguire queste “tracce” il pubblico al seguito di Beatrice avrà in dotazione delle cuffie “whisper-radio” che permetteranno di sentire – oltre alle voci recitanti – suoni, musiche e suggestioni che renderanno lo spettacolo un vero e proprio percorso sensoriale.

Dopo l’anteprima di Verona, lo spettacolo andrà in scena a Firenze. Nel capoluogo toscano, per condurre gli spettatori dentro le tracce fiorentine del Sommo Poeta, in primo piano ci saranno Beatrice e la Vita nova. A Verona, tra le opere in primo piano ci sarà la Divina Commedia col suo leit motiv delle stelle la cui presenza scandisce la chiusura di tutte e tre le cantiche: dell’Inferno (“E quindi uscimmo a riveder le stelle”), del Purgatorio (“Puro e disposto a salire a le stelle”) e del Paradiso (“L’amor che move il sole e l’altre stelle”). La regia di Silent Dante (su testo di Silvia Mercuriali e di Alberto Pavoni da un’idea di Paolo Valerio) è di Silvia Mercuriali e dello stesso Valerio. Il narratore è Alberto Pavoni e Letizia Bravi (“cinta d’uliva, sotto verde manto vestita di color di fiamma viva”) è Beatrice.

SERVIZIO BIGLIETERIA Teatro Nuovo, tel. 0458006100, ore 16.30-19.30

posti limitati